Connect with us

La fine di LimeWire? Forse no

Featured News

La fine di LimeWire? Forse no

L’avventura di LimeWire ormai è ai titoli di coda, a causa della denuncia della RIAA istanziata nel 2006, che ha obbligato la chiusura del progetto. A questo celebre software P2P, dunque, toccherà la stessa sorte del suo antenato Napster: esattamente come quest’ultimo programma di file sharing, LimeWire ha pensato di reinventarsi in un business legittimo, nel quale gli utenti possono acquistarvi musica legalmente in accordo con le case discografiche.

Questo con tutta probabilità non avverrà, in quanto è stato annunciato che gli uffici chiuderanno definitivamente nel 2011.

Sembrerebbe la fine di LimeWire ma, dopo che gli Anonymous (i famosi hacker pro Wikileaks) hanno cinto d’assedio il sito della RIAA, un team di sviluppo completamente anonimo ha ripristinato il software, senza alcun collegamento con i loro server e sbloccando alcune funzioni proprie solamente di chi possedeva la versione PRO. Nasce dunque LimeWire Pirate Edition, disponibile per tutte le piattaforme (se si cerca opportunamente su Google) e perfettamente funzionale. Per poter avviare il software è indispensabile avere sul proprio sistema Java Runtime Environment.

Certo senza l’appoggio dei server madre sarà dura, ma chi lo sa se LimeWire tornerà vivo come una volta!

Continue Reading

More in Featured News



News


Top News

To Top