Connect with us

Steve Jobs ci ha lasciato l’Apple Tv?

Apple

Steve Jobs ci ha lasciato l’Apple Tv?

Nel libro di Isaacson in arrivo domani e nel quale si racconterà la vita e la filosofia di Jobs, c’è anche una parte dedicata al TV Apple. «Vorrei che i TV fossero semplici da usare, avessero la più semplice delle interfacce da usare e alla fine ho capito come fare», dice Jobs.

Steve Jobs stava davvero cercando di capire come rivoluzionare lo schermo TV. La volontà di ideare un nuovo modo di vedere la televisione, partendo dall’interfaccia del televisore stesso, è stata al centro di una parte delle interviste che Walter Isaacson ha svolto con il defunto fondatore di Apple e da cui è stata tratta la biografia di Jobs in arrivo domani.

In base a quanto si legge sul Washington Post, in una delle tante anticipazioni sul volume, «Jobs aveva in mente di fare con la TV quello che aveva fatto con i computer, i riproduttori di musica Mp3 e il telefono: renderla semplice ed elegante”. Nel libro c’è una parte con discorso diretto citato direttamente dalla quale si apprende che l’obbiettivo era quello di «creare un set TV che sia completamente semplice da usare». Nel progetto si sarebbe trattato di qualche cosa che avrebbe evitato «di manovrare complessi telecomandi per i player DVD e i canali via cavo. Avrebbe avuto la più semplice delle interfacce che si sarebbe potuto immaginare. E alla fine ho capito come fare».

 

Voci sul un TV Apple sono in circolazione da anni, ma mai nessuno era riuscito a fornire convincenti indizi che davvero a Cupertino ci fosse qualcuno al lavoro su un TV con il marchio della mela morsicata. Questa testimonianza è la prima conferma non solo che davvero c’è stato un tentativo da parte di Jobs di andare in quella direzione, ma che nella mente del CEO c’era anche il piano per passare ad un prodotto reale. Che questo significhi davvero che Apple rilascerà un suo TV resta ancora sospeso nel dubbio; passare da una idea per quanto definita ad un prodotto finito implica un processo lunghissimo e costellato di ostacoli che nel caso specifico sono rappresentati da un sistema che è fatto di un intreccio di tecnica, alleanze con i fornitori di contenuti e normative governative che a loro volta incidono sulla tecnologia (basti pensare alle differenze negli standard, alle profonde differenze nell’architettura della distribuzione dei programmi, all’incidenza dei canali free in alcune nazioni).

Sembra infatti piuttosto improbabile che nella mente di Jobs ci fosse semplicemente l’idea di creare un TV come potrebbero fare i maggiori protagonisti del settore dell’elettronica, uno schermo da collegare ad un cavo, con l’unica differenza di una interfaccia semplificata, quanto un sistema complesso dove l’hardware permette sia di fruire di contenuti esterni che di distribuire contenuti a pagamento portati da partner che accettano di partecipare al progetto controllato, in defintiva, interamente da Apple, dando vita a qualche cosa del tutto simile al mondo scaturito dal lancio di iPod e di iPhone.

source: macity

Ti potrebbe Interessare

Continue Reading

More in Apple



News


Top News

To Top