Connect with us

Megaupload spunta l’ipotesi di un complotto

Featured News

Megaupload spunta l’ipotesi di un complotto

Dalle pagine di Techcrunch spunta una teoria di complotto nei confronti di Megaupload.

Pare che il noto founder DotKom avesse in preparazione una nuova piattaforma chiamata MegaBox corrispettivo di Itunes, che le major spaventate dalla concorrenza hanno deciso di contrastare utilizzando l’oscuramento.

Se questa teoria venisse comprovata non solo si prospettano giorni difficili per le autorita’ Americane ma indubbiamente ci troveremmo davanti a giudizi totalmente fuorvianti nel metodo delle accuse.

Per capire meglio i fatti, bisogna risalire al dicembre 2011, quando  TorrentFreak raccontava del lancio silente della versione beta di un servizio che avrebbe fatto tremare i polsi delle grandi case  discografiche. L’obiettivo di MegaBox Digital Jukebox era quello di  divenire il rivale numero uno di iTunes, tramite tariffe  estremamente vantaggiose per gli artisti i quali avrebbero ricevuto circa il 90%  dei guadagni delle loro canzoni pubblicate liberamente su Megabox. Insomma, il  concetto di file sharing di Megaupload si sarebbe espanso al settore della  musica, e ancora più avanti nel 2012, anche a quello cinematografico con il  lancio di Megamovie.

Ci chiediamo perche’ mai una piattaforma di hosting cloud condiviso come Megaupload sia stata chiusa quasi si trattasse della piu’ grande industria cospiratrice contro l’america, con elicotteri e scene da film.

Sarebbe stato piu’ giusto affrontare i problemi in un tribunale come d’altronde gli Avvocati di Megaupload stanno ripetendo da piu’ giorni.

Nel frattempo queste sono le ultime news:

> Megaupload ha ritirato la denuncia verso Universal che ricordiamo oscuro’ su youtube un video legittimo qui di seguito:

httpv://www.youtube.com/watch?v=o0Wvn-9BXVc
> E’ stata negata la cauzione al Founder , per pericoli di fuga.

Ti potrebbe Interessare

Continue Reading

More in Featured News



News


Top News

To Top