Video Adriano Olivetti l’Innovatore



La pellicola che vi presentiamo oggi è “In me non c’è che futuro”.

“C’ è stato un momento, a metà degli anni ’60 del XX secolo, in cui un’azienda italiana ebbe
l’occasione di guidare la rivoluzione informatica mondiale,
10 anni prima dei ragazzi della Silicon Valley: Steve Jobs e Bill Gates.
Una rivoluzione tecnologica che aveva le sue radici in una rivoluzione culturale e sociale,
in un modello industriale pensato al di là di Socialismo e Capitalismo, che il suo promotore, Adriano Olivetti, aveva cominciato a sperimentare sin dagli anni ’30 a Ivrea,
in provincia di Torino.”

B

Inizia così uno tra i più importanti documentari realizzati sulla figura di Adriano Olivetti.
Il regista, Michele Fasano, grazie ad una ampia attività di ricerca ci presenta quello che è stato
uno dei momenti culturali italiani più alti, in cui il sogno di una rivoluzione sociale,
culturale e tecnologica sembrava davvero a portata di mano.
Un sogno che come poche volte è capitato prima, e sfortunatamente non più dopo,
vedeva l’Italia come luce guida del progresso e non come mesto fanalino di coda.

D

L’imponente lavoro di Fasano ci guida dalle origini della Olivetti fin a quasi ai nostri giorni
aiutandoci a comprendere la geniale e complessa figura di Adriano Olivetti e la sua visione
di un mondo in cui il dualismo capitale e lavoro trovava finalmente un’armonica unione
e unità di intenti.

C

Lasciamo a voi il piacere di scoprire, o riscoprire, un capitolo importante della nostra storia
grazie al seguente link,
sperando che possa aiutare molti a capire anche il nostro paese, quando guidato dalle giuste idee, non ha nulla da invidiare a quello che accade in altre latitudini del mondo.