Connect with us

L’Italia intera richiede una moratoria contro il regolamento Agcom

Featured News

L’Italia intera richiede una moratoria contro il regolamento Agcom

Dichiarazione di Luca Nicotra, segretario dell’Associazione radicale Agorà Digitale e promotore della Mobilitazione contro Regolamento-Censura di Agcom

La richiesta di moratoria del regolamento-censura dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni non viene più solo dalla società civile. L’intero arco dei partiti, membri del Governo e il Presidente della Camera sono intervenuti per chiedere un passo indietro ad Agcom.
Percio’, mentre in queste ore si organizzano raccolte firme da parte di parlamentari e oltre 100.000 mail sono giunte al presidente dell’Autorità e agli altri Commissari, Agcom e Calabrò si devono, ripeto, si devono fermare altrimenti diverranno una scheggia impazzita di potere.
Indipendenza non vuol dire autarchia. Anzi, proprio l’assenza di strumenti vincolanti da parte del Governo e del Parlamento nei confronti dell’Autorità, obbligano quest’ultima a dare la massima importanza al dialogo con le istituzioni, richiesto invano da giorni. A nulla servono le rassicurazioni di Calabrò. In democrazia il “fidatevi” non è accettabile. Ormai non è più una questione di apertura di una nuova consultazione, o di alcuni dettagli del testo che verrà approvato il 6 luglio. Agcom deve porre in moratoria la regolamentazione o metterà a rischio non solo la libertà di espressione, informazione e accesso alla conocenza, ma lo stesso funzionamento democratico delle istituzioni.

PARTECIPA SUBITO E INVITA TUTTI I TUOI AMICI o FIRMA QUI

Continue Reading

More in Featured News



News


Top News

To Top