Connect with us

Google+ apre le porte a tutti

Featured News

Google+ apre le porte a tutti

Dopo che ieri vi abbiamo parlato del nuovo servizio Google Wallet, oggi rimaniamo su servizi che riguardano il colosso di Mountain View. Questa volta però parliamo di Google+, il nuovo social network targato Big G dopo il fallimento di Jaiku e Google Wave, che oggi è finalmente disponibile a tutti, senza bisogno di nessun invito speciale.

Molti però ancora ignorano l’esatta natura di questo servizio, anche se probabilmente ne hanno sentito parlare in giro, perciò vi forniamo anche una piccola panoramica di come funziona Google+ e quali sono i suoi concetti fondanti di base. Il suo funzionamento è del tutto simile a quello di Facebook, ma è diversa la gestione degli amici, molto più simile a quella di Twitter: non esistono richieste di amicizia, ma si inserisce semplicemente una persona in una delle proprie “cerchie” (del tutto simili alle nuove liste di Facebook), senza che questa persona necessariamente debba contraccambiare.

Grazie alle cerchie (liberamente creabili dall’utente), gli utenti di cui si seguono gli aggiornamenti (altra fresca novità di Facebook ispirata da Google+) vengono divisi in compartimenti stagni, potendo leggere gli aggiornamenti di questi raggruppati in queste cerchie in base a determinate caratteristiche (colleghi di lavoro, amici, conoscenti, vip).

Interessante è la funzione del videoritrovo, nella quale si lancia una web-app che permette di effettuare videoconferenze multiple con alcuni amici contemporaneamente: quando uno lancia un videoritrovo, nello “Stream” di chi segue gli aggiornamenti di questa persona viene notificata la possibilità di unirsi alla conversazione, in modo da fomentare la conversazione.

Insomma, Google+ è un servizio agli albori e non è paragonabile con Facebook, che ha dalla sua molti più anni di sviluppo, ma che è riuscito a mettere un pò in allerta i ragazzi di Palo Alto, che hanno presto preso a modello il social network di Google per alcuni degli ultimi aggiornamenti, quali le videochiamate, le liste e la possibilità di seguire gli aggiornamenti di una persona. Quindi potrebbe avere le carte in regola per diventare qualcosa, forse.

Continue Reading
Click to comment

More in Featured News



News


Top News

To Top